Titolo italiano: Obsession
Autore: Valentina C Brin
Casa editrice: Amazon [Youcanprint per la prima ed.]
Anno di pubblicazione: 2017 [prima ed. 2013]
Pagine: 522 [480 prima ed.]
Genere: Romantico, Storico, Erotico
ASIN: B07657F236 [ISBN: 9788891118097 prima ed.]

Trama: Inghilterra, 1715.
Quando Eleanor White arriva a Collingwood porta con sé la dignità di chi fa parte del popolo, l’amarezza di un amore tradito e la determinazione ad aiutare la propria famiglia con ogni mezzo. Peccato che non sappia quanto sia sconvolgente quello che l’aspetta in quella tenuta, rifugiato nell’ombra di rifiuto e rancore che gli affoga il cuore: Ashton Spencer, conte di Collingwood, è un uomo violento che rifiuta l’amore in ogni sua forma. Un uomo in cui è destinata ad attecchire un’ossessione profonda e incontenibile, struggente, violenta come la sua stessa anima.
Ma come fare, quando l’unica donna che desideri è la sola che non puoi avere? Sullo sfondo della prima rivolta giacobita, una storia d’amore indimenticabile. Un romance storico che vi stregherà.

Recensione: Ci sono dei libri che è difficile sia votare che recensire, e per tanti motivi. Questo è uno di quelli.
Era da parecchio che volevo leggere il romanzo di Brin, e il gruppo di lettura da lei creato è stata un’ottima scusa. I motivi per cui ci tenevo tanto sono parecchi e legati alle motivazioni più diverse.
Innanzi tutto, questo romanzo è nato da una fan fiction. Proprio così: Ashton una volta era Draco Malfoy, Eleanor Ginny Weasley ecc ecc… Ho letto altri romanzi originali nati da fan fiction e, sinceramente, mi avevano parecchio deluso: troppa poca descrizione, personaggi che si vedeva palesemente essere nati da altra penna (anzi, finivi irrimediabilmente per vederci il personaggio originale piuttosto che il figlio); tuttavia, conoscendo Brin (il secondo motivo per cui mi sono decisa a leggere questo romanzo. No, state tranquilli, che conosca o meno un autore, non mi lascio mai influenzare nelle mie recensioni!) e sapendo quanto ci aveva lavorato su, ho provato a dare un’altra chance a questo genere. E ho fatto bene. Perché, se non avessi già conosciuto la storia che c’è dietro questo romanzo, non l’avrei mai detto. Vero, la protagonista ha i capelli rossi come Ginny, vero, anche la nostra piccola Weasley è anche troppo coraggiosa, ma queste caratteristiche non sono certo rare in una protagonista.
Se c’è una cosa che non manca, in questo romanzo, è proprio l’attenzione all’evoluzione dei personaggi: tutti, nessuno escluso, ha una storia che l’ha portato ad essere in un certo modo e che gli fa compiere determinate scelte; tutti, a seconda dei personaggi che incontrano, cambiano, nel bene o nel male; tutti, a fine lettura, ti restano dentro, che li si odi o li si ami. E io ho davvero odiato con tutto il cuore alcuni personaggi e alcuni comportamenti: ho digrignato i denti per alcune scene (il labirinto: non potrò mai perdonare coloro che hanno preso parte a quella follia!), ho avuto voglia di picchiare con le mie mani Ashton in biblioteca e avrei preso a mazzate Eleanor per essere caduta subito negli occhi di Ashton (perché sono una donna di oggi, certo, ma anche perché non capisco e non capirò mai perché alle donne piacciono i tipi che le trattano in questo modo. No, non cercate di spiegarmelo: ci hanno già provato in tanti senza successo).
A questo proposito, se c’è una cosa che in questo romanzo non manca è la descrizione dei momenti intimi dei due personaggi. Voi che cercate un romanzo erotico, voi che dite che le scene tra Christian Grey e Ana Steele sono ad alto tasso erotico, leggetevi questo romanzo e poi fatemi sapere. Perché qui non c’è una scena tra i due che lascia indifferenti: questo è quello che considero erotismo. Erotismo ma non porno, ed erotismo non fine a se stesso, a quanto detto su.
Obsession è stato considerato un romanzo storico. Ora, non so se l’autrice l’abbia considerato lei tale o se è stata idea di qualcun altro. Ma, sinceramente, io lo definirei piuttosto “a sfondo storico”. Certo, si parla dei giacobiti, gruppo realmente esistente che voleva la dinastia Stuart di nuovo al potere, ed è anche vero che queste vicende sì intrecciano con quelle dei protagonisti; ma c’è da precisare che non è la conditio sine qua non del romanzo: esso infatti avrebbe funzionato lo stesso se fosse stato ambientato in un altro periodo storico, con altre beghe politiche e altri regnanti considerati usurpatori.
Questa puntualizzazione, tuttavia, non va a scapito del romanzo o della mia opinione su di esso; anzi, io adoro i romanzi storici o con ambientazione storica e lo trovo un dettaglio fondamentale, per un titolo che, appunto, non è soltanto una semplice storia d’amore tra i due, ma molto di più.
Se devo trovare un difetto, esso è forse proprio l’attenzione all’evoluzione del personaggio che prima ho definito – e lo ribadisco – il punto forte della trama. Perché la puntualizzazione con cui vengono descritti i pensieri dei personaggi diventa ossessione, non solo nel protagonista (e ci sta. Altrimenti non avremmo neanche il libro!), ma proprio nell’autrice di dirci tutto quello che provano i personaggi. Che, per carità, è una cosa buona giusta e sacrosanta, ma che diventa a volte irritante nelle descrizioni delle scene con più alto pathos. In quei momenti, alla mia testa, di cosa sta provando minuto per minuto la protagonista, non frega niente; io voglio soltanto seguire l’azione, vederla. Ma con tutti ‘sti pensieri, io non vedo niente. Anche nei dialoghi, non è esattamente la scelta migliore terminare una battuta di un personaggio con la descrizione di tutti i suoi pensieri: si perde il filo del discorso, soprattutto se si tratta di un botta e risposta serrato. Confesso che in alcuni di questi momenti, ho pensato «E che palle! E lasciami sentire che ha da dire!». Il problema vero, però, si ha nelle scene d’azione: lì serve movimento, adrenalina, periodi brevi e secchi, in cui il cuore del lettore deve palpitare immaginando la scena, non discorsi che riescono a farti salire la tensione, sì, ma solo se comunque non sfociano nel POV; a quel punto si ha invece un effetto decisamente opposto.
Secondo me, questo “problema” dipende da un dettaglio fondamentale – che è anche uno dei motivi di cui sopra per cui ho deciso di leggerlo. Obsession è un’auto-pubblicazione.
Ho letto molte critiche, a proposito di questa pratica, da parte di editor di professione e di semplici lettori “puristi”. A costoro vorrei ricordare che i cosiddetti editori “seri” sono quelli che pubblicano anche Fabio Volo e 50 sfumature di grigio. Alta letteratura e cultura, senza dubbio. Con questo non voglio dire che le auto-pubblicazioni sono tutte da salvare, eh: ci sono le immani schifezze, come le perle, ma è proprio il voler fare di tutta l’erba un fascio che mi irrita: frequento da 13 anni il mondo della scrittura amatoriale e vi posso assicurare che ci sono storie che sono più degne di stare in libreria di tante porcherie che leggo )e altre che andrebbero cancellate dal mondo).
Dicevo, questa è un’auto-pubblicazione: ne consegue, quindi, che non ha dietro il lavoro di un professionista (almeno da quanto ne so) e ciò lo si nota sia da alcuni dei dettagli detti su, sia da quegli errori che potrei definire banali: la presenza di vari refusi, per esempio, o il fatto che vengano usate le stesse espressioni a poche pagine di distanza, quando invece non dovrebbe essere così. Anche l’uso dello stesso termine più volte in una frase risulta a volte essere irritante: certo, in molti casi è anaforico, ma in altri avrei preferito fossero usati sinonimi o espressioni equivalenti.
«Ma guarda che queste cose si trovano anche nei romanzi pubblicati dalle case editrici, eh!» potrebbe dirmi qualcuno, e lo dico pure io. Certo. Ed è per questo che continuo a non capire quale sia il problema dell’auto-pubblicazione (e ad avere sempre meno fiducia nell’editoria attuale). Ma questo è un discorso che non ha senso approfondire qui.
Per concludere, l’ho trovata una bella lettura: interessante e avvincente, nonostante i difetti che ho descritto.

Amo i libri, la scrittura, gli anime, i manga e le serie British. Bibliotecaria e archivista.