Titolo: La perfezione di due note stonate
Autore: Autori Vari
Casa editrice: Giunti
Anno di pubblicazione: 2014
Pagine: 124
Genere: Amicizia, Omosessualità, Omosessualità, Romanzo collettivo
ISBN: 9788809807020

Trama: Un’amicizia contrastata ma indissolubile, la passione per la musica e la ricerca della propria identità. Un ragazzo e una ragazza e le emozionanti note della loro vita. Quando un SMS annuncia il ritorno di Alex, l’amica ribelle con una sfrenata passione per la chitarra elettrica, per Joyce è come una sveglia, è il segnale che è ora di uscire dal guscio e iniziare a cambiare le cose, a cominciare dai suoi genitori. Nonostante lui e Alex siano agli antipodi, a partire dai gusti musicali, la loro amicizia è sempre stata un punto fermo per Joyce. Hanno passato anni a parlare di tutto seduti sulla stessa panchina, quando lui era l’enfant prodige del pianoforte e lei la cattiva ragazza con i capelli fucsia e la sigaretta sempre accesa. E ora Alex è tornata. Ora è di nuovo al suo fianco. Ma Joyce si accorge ben presto che l’amica non è più la stessa: qualcosa l’ha turbata nel profondo. Qualcosa che l’ha riportata indietro da Dublino facendola continuare a mentire, persino a lui.

Recensione: La particolarità di questo titolo è che si tratta di un romanzo collettivo, ossia una storia scritta da diversi autori, con tutti i pregi e i difetti che questa forma può portare con sé.
Tanto per cominciare, la trama: la storia è molto semplice, ma interessante. Due ragazzi, completamente diversi l’uno dall’altra, amici da molti anni, ciascuno cresciuto con i propri problemi e le proprie paure, riescono a scrollarseli di dosso attraverso il motivo che li unisce, nonostante le differenze: l’amore per la musica.
Bello, quindi, l’argomento principale, sebbene non originalissimo (ho letto molti libri e manga che trattano lo stesso tema, anche se, ovviamente, affrontato in modo diverso).
Tuttavia, si tratta soltanto di questo: la scena è interamente occupata dai due amici, con poche comparse (i genitori di lui, Stephen, un amico di Joyce, e il suo cane) e personaggi che per lo più sono uno sfondo; il che, vista la lunghezza e le intenzioni del romanzo va più che bene, ma che lascia un po’ perplessi, perché, per quanto ci si possa focalizzare su uno o più personaggi, sembra quasi che non ci sia un mondo a cui appartengono, ma paiono vivere in una dimensione dove ci sono solo loro.
Per quanto l’idea di base sia, quindi, molto interessante, secondo me poteva essere sviluppato meglio, non tanto dagli autori, quanto dalla casa editrice che si è occupata del tutto. Sembra infatti che i ragazzi siano stati lasciati a loro stessi e che non ci sia nessun coordinatore dietro: lo stile, per esempio, è molto diverso da capitolo a capitolo, proprio perché scritti da persone diverse; tuttavia, è troppo diverso, senza nessun tentativo di provare ad uniformarli per renderli più omogenei, senza però perdere le peculiarità stilistiche di ognuno di loro: si passa da capitoli che sono piccoli capolavori, ad altri che invece risentono di una scrittura ancora troppo acerba che ha bisogno di una guida. Per non parlare dei refusi: sembra quasi che il lavoro di editing e correzione di bozze non ci sia proprio stato, perché ho trovato capitoli infarciti di errori (manca la virgola quando c’è il complemento di vocazione, per esempio). E va bene che si tratta di un ebook gratuito, ma questo non giustifica la mancanza di professionalità.
Altro elemento che mi ha lasciato perplessa è il doppio finale di cui non ho capito l’utilità. Certo, ci mostrano due binari su cui l’azione avrebbe potuto svilupparsi, ma… perché?
Insomma, si tratta di un esperimento interessante che, però, è stato sottovalutato dalla casa editrice stessa e che, con un po’ di impegno, avrebbe potuto sfornare un risultato di gran lunga superiore. Un vero peccato.

Voto: 3/5

Amo i libri, la scrittura, gli anime, i manga e le serie British.
Bibliotecaria e archivista.